asino feNice

…per rinascere sensibili…

   giu 20

ACETO E BICARBONATO: preziosi alleati dai mille usi domestici, non tossici!

Autoprodurre un kit per le pulizie di tutta la casa è davvero semplice ed economico e soprattutto permette di conoscere con precisione le sostanze utilizzate durante le faccende domestiche, evitando tutto ciò che potrebbe essere tossico e particolarmente dannoso per la salute e per l’ambiente.

 

L’ACETO: 

L’aceto, meglio se biologico, è ricco di sali minerali come potassio, calcio, fosforo, zolfo, fluoro, silicio, ferro, rame e magnesio. Possiede anche una dose interessante di pectina, utile per una corretta funzionalità intestinale.

L’aceto può essere un agente sgrassante, economico ed ecologico. L’aceto bianco è suggerito generalmente come il più adatto per la pulizia. Per esempio, miscelando una parte di aceto con quattro parti di acqua (per una soluzione più forte, una parte di aceto e una d’acqua) si ottiene un ottimo liquido per pulire le finestre.

 

L’aceto è usato in prodotti anticalcare e in saponi per le stoviglie; inoltre funziona bene come emolliente per i tessuti.

 

Per pulire i pavimenti:

Per togliere ogni traccia di polvere e sporco dai pavimenti, lavali con una soluzione di acqua e aceto. Pulizia, igiene e profumo saranno assicurati (una tazzina da caffè in ogni 5l di acqua)

 

Piastrelle:

Per le piastrelle del bagno e della cucina passa una spugnetta imbevuta di aceto puro. Sporco e grasso verranno rimossi.

 

Vetri e cristalli:

Lava finestre, lampadari e oggettistica in vetro o cristallo con acqua e aceto in parti uguali. Con questo metodo verranno rimosse anche le tracce lasciate dagli insetti. I vetri della vostra casa rimarranno puliti più a lungo.

 

Calcare:

Per togliere il calcare quotidiano da sanitari e rubinetterie, passa una spugnetta imbevuta di aceto puro, oppure versa direttamente l’aceto sulla parte da pulire. Dopo aver lasciato agire per qualche minuto, sciacqua e asciuga.

 

Rubinetti:

Se il calcare ha ostruito rubinetti e doccia, lasciali immersi nell’aceto per qualche ora, poi sciacqua ed asciuga.

 

Pentole:

Per le pentole e tutti i contenitori in acciaio inox, passa una spugnetta imbevuta di aceto e sciacqua. Se ci hai bruciato qualcosa versa aceto a sufficienza per coprire la parte e lascia agire per mezz’ora (o per tutta la notte) prima di pulire. Se poi sei tra i pigri che lavano i piatti al giorno, dopo mangiato metti pentole e piatti a mollo in acqua e aceto: eviterai odori sgradevoli e farai meno fatica a lavare i piatti.

 

Bollitori:

Per pulire bollitori e caffettiere riempili per 2/3 di aceto ed 1/3 di acqua, unisci una manciatina di sale e scalda. Togli dal fuoco e lascia agire 12 ore, poi sciacqua.

 

Lavello inox:

Per togliere le macchie di sporco e calcare passa una spugnetta di aceto puro.

 

Scarico lavello otturato:

Se si fosse ostruito lo scarico del lavello, versa mezzo litro di aceto puro e aspetta qualche ora prima di far scorrere dell’acqua calda.

 

Forno:

Per sgrassare, igienizzare e deodorare bene le pareti del forno, dopo averlo lasciato intiepidire (35 gradi circa) passa una spugnetta imbevuta di aceto puro ripetendo l’operazione finchè non vi è più traccia di unto.

 

Frigorifero:

Per detergere, igienizzare e deodorare il frigorifero, passa una spugnetta imbevuta di aceto puro, Sciacqua e asciuga.

 

Lavastoviglie:

Periodicamente, e in particolare per lunghi periodi di inutilizzo della lavastoviglie, fai un ciclo a vuoto versando nella macchina un litro di aceto.

 

Stoviglie:

Aggiungi un poco di aceto all’acqua per il lavaggio (una tazzina da caffè in ogni 5l d’acqua). Per sgrassare le tue stoviglie basterà meno detersivo tradizionale e in più risulteranno perfettamente deodorate.

 

Caffettiera e tazze: 

Se sono incrostate o macchiate sfregale con una spugnetta imbevuta di aceto puro e sale fino. Sciacqua e asciuga.

 

Cabina doccia:

Passa sul vetro una spugnetta ruvida imbevuta di aceto puro, poi sciacqua e asciuga bene. In presenza di macchie di muffa sulla tendina otterrai ottimi risultati lavandola con acqua e aceto (una tazzina ogni litro d’acqua).

 

Rame e Ottone:

Prepara in un piattino un miscuglio composto da 2 cucchiai da cucina di sale e 1 di aceto, raccogli il composto con una spugnetta, strofina, poi sciacqua e asciuga bene.

 

Contenitori Cibi:

Per igienizzare ed eliminare gli odori, lavali con aceto puro, poi sciacqua e asciuga bene.

 

Legno:

Per pulire il legno laccato, detergere con una soluzione di acqua tiepida e aceto (una tazzina ogni litro d’acqua). Passare successivamente con panno morbido e asciutto.

 

Tessuti colorati:

Aggiungi all’acqua dell’ultimo risciacquo 2 tazzine da caffè di aceto. Conserverà più a lungo il colore dei tuoi capi.

 

Aria Viziata:

Per eliminare l’odore di fumo e di chiuso mettere nella stanza uno o più contenitori riempiti con aceto. Questo trattamento è anche ideale per togliere l’odore di vernice dopo la tinteggiatura dell’appartamento.

 

Macchie in genere: applica aceto puro, tampona con acqua. Macchie di deodorante: immergi il capo in una soluzione di aceto prima di lavarlo (1 tazzina ogni litro d’acqua).

 

Macchie di fango: raschia quanto possibile il fango secco, quindi sfrega con acqua e aceto (3 tazzine ogni litro di acqua) tampona con acqua.

 

Macchie di calce: sfrega con aceto puro e risciacqua.

 

Ammorbidente per lana: per prevenire l’infeltrimento dei capi in lana, sciacquali con acqua e aceto (2 tazzine da caffè per ogni 10l d’acqua). Ideale per le coperte di lana. Immerse dopo il lavaggio in acqua e aceto acquisteranno maggior morbidezza.

 

Tappeti e moquette: per ravvivare i colori, dopo aver utilizzato l’aspirapolvere, passa uno straccio imbevuto di aceto puro seguendo il senso del pelo. Non sfregare troppo e cambia lo straccio man mano che si sporca. Questo sistema è anche un buon trattamento antitarme e serve se il cane o il gatto lo hanno bagnato.

 

Biancheria e bucato: due tazzine da caffè di aceto aggiunti al normale detersivo aiuteranno a sgrassare e igienizzare i capi sporchi. Inoltre con questo trattamento i tessuti resteranno più morbidi

 

 

IL BICARBONATO (idrogenocarbonato di sodio, E 500): 

L’idrogenocarbonato di sodio si trova in vendita nei negozi con la denominazione bicarbonato di sodio per uso domestico per la pulizia di frutta e verdura.

Il bicarbonato è composto da sodio, che nell’organismo umano è un minerale essenziale che si trova principalmente nei fluidi extracellulari.
Insieme al Potassio aiuta il corpo a mantenere la giusta pressione osmotica tra le cellule (la distribuzione dei fluidi tra parte interna ed esterna della cellula) e partecipa alla regolazione idrica del corpo.
Quando la concentrazione di sodio diventa troppo elevata,  i fluidi presenti all’interno della cellula fuoriescono per riportare l’equilibrio tra interno/esterno. Questo meccanismo prende il nome di ritenzione idrica, che provoca solitamente gonfiore diffuso, conseguenze antiestetiche e alcune patologie a carico dei reni.

Trova impiego anche come prodotto per l’igiene personale.

La capacità di reagire con gli acidi fa sì che il bicarbonato venga usato in preparazioni farmaceutiche come antiacido e contro bruciori di stomaco, benché un consumo eccessivo sia da evitare perché può ripercuotersi sul pH del sangue. Viene inoltre aggiunto ai dentifrici per la sua azione lievemente abrasiva e sbiancante.

Il bicarbonato di sodio è prima di tutto un medicinale e viene studiato in farmacologia; il suo uso secondario e certo il più diffuso è quella adoperato in famiglia per la pulizia, ma è e rimane sempre un medicinale.

 

Nella vasca da bagno: 2 o 3 cucchiai nella vasca da bagno: depura la pelle, la rende morbida e vellutata.

In più ha un effetto rilassante!

 

Lavatrice: un bel cucchiaio nella vaschetta del dersivo rende i panni morbidi e disinfetta, ma il bicarbonato è da evitare con lana e seta.

 

Frigorifero: ideale per la pulizia del frigorifero, evitando così di utilizzare prodotti chimici che potrebbero venire a contatto con gli alimenti (2 cucchiai in 1/2lt d’acqua).

 

Spazzolini da denti: 1 cucchiaio (25g) di bicarbonato in un bicchiere d’acqua per garantire l’igiene di protesi dentarie e spazzolini.

 

In Cucina: un pizzico di bicarbonato per rendere soffici le frittelle

 

Profumo: neutralizza gli odori sgradevoli… Nel frigorifero, nelle scarpiere, nel bidone della spazzatura…

1 tazza (300g) di bicarbonato sul fondo delle lettiere di gatti, uccellini e criceti per un’efficace azione di prevenzione degli odori. Va sostituito ogni tre mesi.

 

Residui difficili: utilizzalo sotto forma di impasto (tre parti di bicarbonato e una d’acqua).

 

Portacenere: per evitare quel noiosissimo odore di sigaretta.

 

Pentole e stoviglie: abbiamo dimenticato il detersivo per i piatti? Ecco un ottimo sostituto!!

 

Lavastoviglie: una manciata sulle stoviglie prima di iniziare il lavaggio. Una volta al mese farebbe bene un ciclo a vuoto della lavastoviglie e 100g di bicarbonato durante il risciacquo, sgrassa e deodora!

 

Frullatore: dopo aver utilizzato il frullatore un bicchiere d’acqua e un cucchiaio di bicarbonato (frullando per pochissimi secondi) renderanno più facile la pulizia delle lame e del contenitore.

 

Inalazioni di Vapore:  metti a bollire una pentola piena d’acqua; una volta raggiunto il bollore, toglila dal fuoco e versa il contenuto in un’ampia bacinella. Aggiungi 2 cucchiai (50g) di Bicarbonato e respira con il naso i vapori per circa dieci minuti, tenendo la testa coperta con un asciugamano per impedirne la dispersione. Fai attenzione a non scottarti! Cinque-dieci minuti di inalazione sono sufficienti per sentirti subito meglio!

 

Pettini e spazzole: 2 cucchiai (50g), sciolti in acqua calda, per la pulizia di pettini e spazzole.

 

Capelli: 1 cucchiaino (5g) di bicarbonato, aggiunto allo shampoo, per rimuovere residui di prodotti fissativi (gel, lacca, schiuma), una volta la settimana.

 

Bicchieri e calici: i tuoi preziosi calici presentano macchie residue di vino o di calcare?

Riempili con acqua tiepida e aggiungi 1 cucchiaio (25g) di Bicarbonato, passali delicatamente con una spugnetta non abrasiva e risciacquali con cura. Torneranno splendenti!

 

Residui su Pentole: versa il bicarbonato sui residui, aggiungi acqua calda fino a coprirli e porta ad ebollizione per 5 minuti. Vedrai formarsi una schiuma bianca. Fai raffreddare, rimuovi i residui aiutandoti con una spugnetta e procedi quindi allabituale lavaggio.

 

Frutta e verdura: riempi un recipiente con acqua (1 cucchiaio per litro d’acqua) di bicarbonato e lascia a bagno la frutta o linsalata per almeno una decina di minuti. Quindi sciacqua bene sotto acqua corrente.

 

Lievito Casalingo: 1/4 di cucchiaino di bicarbonato con 125g di yogurt;

oppure ancora, 1/4 di cucchiaino di bicarbonato con 1/2 cucchiaino di aceto o succo di limone e 100 g di latte.

Questo tipo di lievito va consumato in breve tempo.

 

Microonde: ottimo per pulire a fondo il forno a microonde ed evitare cattivi odori. Stessa cosa per la griglia ed il piatto.

 

Frittata: sarà più soffice aggiungendo la punta di un cucchiaino ogni tre uova.

 

Salsa di Pomodoro: aggiungi a fine cottura la punta di un cucchiaino di bicarbonato se la salsa dovesse risultare troppo acidula.

 

Cavolfiore: stai cucinando il cavolfiore ed un odore sgradevole si sparge per la casa? Aggiungi 1 cucchiaino (5g) di bicarbonato all’acqua di cottura.

 

Pediluvio: 2 cucchiai (50g) di bicarbonato nell’acqua calda del pediluvio; una pasta formata da 3 parti di bicarbonato e 1 parte d’acqua per rimuovere le cellule morte dalla superficie della pelle.

 

Bollito: per rendere la carne del bollito più tenera: aggiungi 1/2 cucchiaio di Bicarbonato ogni litro dacqua a inizio cottura.

 

Superfici Lavabili: rimuovi macchie e segni (di matita, grasso, ecc.) da piastrelle e superfici lavabili passando, con l’aiuto di una spugna umida, un impasto di acqua e bicarbonato (1 parte d’acqua, 3 parti di polvere); quindi risciacqua e asciuga.

 

Tappeti e moquette: cospargi la superficie di tappeti, moquette e poltrone in stoffa con uno strato uniforme di bicarbonato; Lascia agire per almeno 15 minuti, poi aspira con l’aspirapolvere. In caso di odori persistenti (tessuti non utilizzati da tempo, forte odore di fumo o di muffa, ecc.) puoi lasciare agire il prodotto anche fino a 24 ore. Questo stesso sistema è molto utile per ravvivare i colori dei tessuti d’arredamento, che talvolta con il passare degli anni tendono a sbiadire.

 

Argenteria: forma un impasto con acqua e bicarbonato (3 parti di polvere e 1 d’acqua), e applicalo mediante un panno di cotone o di lino direttamente sulla superficie delloggetto da pulire, insistendo in modo particolare sugli sbalzi e le decorazioni (eventualmente potresti utilizzare anche uno spazzolino da denti morbido, per arrivare più in profondità), fino a quando avrai eliminato le macchie da ossidazione. Poi sciacqua e asciuga.

 

Gioielli in argento:  prendi un contenitore, ricoprilo con un figlio di carta d’alluminio e riempilo con acqua calda, aggiungendo qualche cucchiaio di Bicarbonato e di sale da cucina (1 cucchiaio, 25g) ogni litro d’acqua. Immergi l’oggetto da pulire e lascialo a bagno in questa soluzione per un’ora. Poi sciacqua e asciuga con un panno morbido. L’efficacia di questo metodo è dovuta alla reazione che avviene tra l’alluminio e i sali d’argento, che vengono riconvertiti in argento metallico, mentre l’alluminio reagisce formando i sali.

 

Scrub: mescola 4 cucchiai di latte detergente con 2 cucchiai di bicarbonato. Applica questa miscela, tramite un delicato massaggio circolare su tutto il corpo, meglio ancora se con un guanto in microfibra, per potenziarne l’effetto purificante.

Poi sciacqua con acqua tiepida sotto la doccia, asciuga e applica una dose abbondante di olio di mandorle (base di ogni crema idratante).

 

Mani belle: 1 pizzico (2g) di bicarbonato da sfregare intorno alle unghie, con l’aiuto di uno spazzolino; 2 cucchiai (50g) sciolti in 1 litro d’acqua calda per ammorbidire la pelle.

 

Calcare o Muffa: per rimuovere le tracce di calcare e muffa dal box doccia, dai tappetini in plastica, dai sanitari e per lucidare la vasca da bagno, forma un impasto con 3 parti di bicarbonato e 1 di acqua; quindi spargilo su una spugna e sfregalo direttamente sulle superfici da lavare.

 

Alito fresco: prova a sciogliere 1 cucchiaino (5g) di bicarbonato in un bicchiere d’acqua. Poi sciacqua la bocca come faresti con un normale collutorio: funziona, e ti lascerà un gusto fresco in bocca!

 

Sapone per idromassaggio: 2 cucchiai (50g) di bicarbonato; 1 cucchiaio di acido citrico (in farmacia);2 cucchiai di burro di cacao; 10 gocce di olio essenziale, lavanda, gelsomino…

Fai fondere il burro di cacao a bagnomaria, togli dal fuoco, lascia parzialmente raffreddare e aggiungi il bicarbonato e l’acido citrico, poi le gocce di olio essenziale. Forma delle palline e lasciale asciugare, in un luogo secco, per 10 giorni. In alternativa puoi versare l’impasto in uno stampo (come quello dei cubetti di ghiaccio) e conservarlo nel freezer. Una volta consolidato l’impasto, avvolgi una ad una le forme ottenute nella carta stagnola e conservale nel frigorifero.

 

Toletta per animali: aggiungi all’acqua del bagno qualche cucchiaio di bicarbonato: in questo modo il pelo del tuo cane, gatto, coniglio sarà sempre lucido e soffice. Puoi anche procedere alla pulizia “a secco”, cospargendolo direttamente sul pelo. Friziona e poi spazzola per eliminare tracce di prodotto residuo.

 

Cuccia: per pulire ed eliminare in modo efficace odori persistenti dalle coperte della cuccia, lavale, come d’abitudine, a mano o in lavatrice, aggiungendo 2 cucchiai di bicarbonato all’acqua del risciacquo. Per rinfrescare la cuccia puoi anche cospargerla di prodotto, ricordandoti di lasciarlo agire per una mezz’ora prima di aspirarlo.

 

Barbecue: 1 cucchiaio (25g) di bicarbonato sotto forma d’impasto (3 parti di prodotto, 1 di acqua) per pulire griglie e piastre del barbecue.

 

Tavoli da giardino: 2 cucchiai (50g) di bicarbonato ogni litro d’acqua calda per detergere i mobili da giardino.

 

Piante: le foglie delle piante devono sempre essere pulite, passale con una spugnetta morbida imbevuta in una soluzione di acqua e bicarbonato (puoi usare lo stesso sistema anche per pulire e lucidare le foglie delle piante finte), poi passale con acqua e latte per lucidarle.

 

Antiparassitario: per eliminare i parassiti dalle piante, mescola 1 cucchiaino (5g) di bicarbonato e 3 cucchiai di olio d’oliva. Versa 2 cucchiaini di questa miscela in una tazza d’acqua, riempi uno spruzzatore e vaporizza la pianta, evitando il getto diretto sui fiori. Ripeti questoperazione ogni 20 giorni.

 

Tenda e sacco a pelo: prima di riporre nuovamente tenda e sacco a pelo in cantina o nel ripostiglio, cospargili con un abbondante strato di bicarbonato: in questo modo terrai alla larga muffa e odore dumidità fino alla prossima stagione.

 

Presepe: con uno strato di bicarbonato puoi “ammantare” di neve artificiale montagne (da realizzare con grandi pezzi di corteccia), casette, prati di muschio.

 

Se mischi aceto e bicarbonato e poi usi la miscela: dopo 1 ora, non servirà a nulla. Ma se la usi mentre reagisce può essere invece di grande aiuto.

 

Per gli scarichi intasati: versa del bicarbonato nel tubo e poi versa l’aceto: la schiuma che si forma è un ottimo sgrassante (finita la schiuma, finito l’effetto).

You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. You can leave a response, or trackback from your own site.

Lascia un Commento